Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Novembre 2019
D L M M G V S
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Facebook



Partner

Mostra i RI-SCATTI UMANI a Cinisi presso ex Casa Badalamenti (Concorso fotografico Guido Orlando - Premio Peppino Impastato)

18c

 

Le foto selezionate per la mostra RI-SCATTI UMANI, a cura dell'ass.ne Asadin e Casa Memoria sono ancora esposte a Cinisi in Corso Umberto I, 183, presso il bene confiscato ex Casa Badalamenti.

Le 10 foto sono state selezionate tra le tante arrivate per la III Edizione del Concorso fotografico Guido Orlando - Premio Peppino Impastato. La giuria era composta, per il terzo anno consecutivo, da Tano D'Amico, Franco Seggio e Pino Manzella. Oltre al vincitore del concorso altre 4 foto hanno ricevuto una menzione speciale. La premiazione è avvenuta a Cinisi la sera dell’8 Maggio durante le iniziative del 41° anniversario dell’uccisione di Peppino Impastato.

Nella stessa serata si è svolto il Premio Musica e Cultura a cura dell’Associazione Musica e Cultura e di Casa Memoria, assegnato a Maurizio Capone e Mimmo Lucano, con la presenza sul palco di Luciano De Blasi e i Sui Generis e Chiara Effe. E’ stato presentato il libro CHANGE YOUR STEP”. 100 ARTISTI – LE PAROLE DEL CAMBIAMENTO. Il libro cross-mediale di Musica contro le mafie a cura di Gennaro De Rosa ed infine si è svolto il Premio letterario a cura di Mama Dunia e Casa Memoria.

Le foto ancora esposte nella sala del piano terra dell’ex casa Badalamenti hanno centrato il tema dei ri-scatti umani. Ecco di seguito l’elenco dei fotografi selezionati per la mostra ed il breve racconto dei loro scatti.

Gregorio Paone (Vincitore del Concorso fotografico Guido Orlando - Premio Peppino Impastato). La foto si intitola “Las Patronas, anche i sogni viaggiano”. Nel piccolo paesino rurale di Amatlan de Los Reyes, nello stato di Veracruz (Messico), vive un gruppo di donne note come “Las Patronas”. Queste donne nel 1995 si confrontarono con il tema della migrazione, scoprirono infatti che i giovani appesi ai vagoni di un treno merci, divenuto famoso con il nome "tren de la muerte" o più semplicemente "La Bestia" (per la quantità di vite umane divorate), disperatamente bisognosi di cibo e acqua, erano migranti centro americani alla ricerca di una vita migliore negli Stati Uniti. Da 24 anni queste donne e le loro famiglie condividono quotidianamente il loro cibo con questi migranti. Sono più di un milione le persone ad aver ricevuto cibo, acqua e speranza. Las Patronas preparano e distribuiscono centinaia di porzioni di fagioli e tortillas. Quando del treno si sente ancora solo il fischio, cominciano a correre per prendere posizione accanto ai binari con i sacchetti in mano pronti per essere presi letteralmente al volo dai migranti a bordo della "Bestia" in corsa.

18c

Giuseppe Maione (menzione) ha realizzato la foto intitolata “Bronx di San Giovanni a Teduccio” che ritrae Taverna del Ferro a Napoli, un quartiere di edilizia pubblica composta da due grandi edifici a blocco ravvicinati tra loro, noto col toponimo di Bronx per le caratteristiche sociali che hanno da sempre afflitto la popolazione residente.

61313413 2069249666518387 1582867431951433728 n

Giuseppe Sabella (menzione) ha realizzato la foto intitolata “L'abbraccio”, realizzata durante i Misteri di Trapani nel 2017.

61560242 2069249759851711 1955686523277934592 n

Lucia Zullo (menzione) ha realizzato la foto intitolata “Garage Italia”. Garage Italia è un progetto realizzato dalla Onlus "Bambini nel Deserto", si tratta di una scuola di formazione in meccanica a Ouagadougou (Burkina Faso). Questo progetto è nato dalla richiesta diretta proveniente dalla società civile e dalle agenzie governative burkinabè per trovare una soluzione a favore dei «bambini di strada» che vanno aumentando sempre più nelle principali città del Burkina Faso.

61184091 2069250683184952 5066071465032417280 n

Alessio Coser (menzione) ha realizzato la sua foto nel 2017 in un centro di accoglienza realizzato in alcune caserme dismesse. Lo scatto racconta la collaborazione tra ospiti, volontari e operatori nell’orto comunitario. Attualmente il centro di accoglienza è chiusi, si è interrotto così il processo di integrazione che si stava portando avanti.

61343758 2069250876518266 6161716810493198336 n

Giovanni Di Lorenzo ha realizzato la foto intitolata “Salvami” durante uno sbarco a Porto Empedocle. Ha messo in risalto il rapporto tra soccorritori e migranti.

61136231 2069249633185057 5990541619055558656 n

Salvo Alibrio ha realizzato la sua foto in relazione alla vicenda Sea-Wach 3 bloccata sulle coste siracusane lo scorso mese di Gennaio 2019.

60956218 2069251416518212 8814241234718556160 n

Sonia Pennino ha realizzato la sua foto nell’ambito di un progetto che racconta il mondo dei non vedenti e ipovedenti attraverso le testimonianze dirette di undici persone che, pur nella loro condizione, svelano grande forza dedicandosi all'espressione artistica in tutte le sue forme.

60723990 2069251213184899 2587317758291083264 n

Rosalia Di Maggio e Sebastian Torres hanno realizzato la foto intitolata “DIVISADERO, NIÑOS EN EL RIO” Scattata nel 2015 durante la permanenza al Divisadero (Salta, Argentina), territorio appartenente ai Diaguitas Calchaquí.

60738996 2069251459851541 1092660630952869888 n

Ringraziamo tutti i partecipanti al concorso, anche i non selezionati per aver dato il loro prezioso contributo.

Evelin Costa

Casa Memoria

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato