Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Novembre 2019
D L M M G V S
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Facebook



Partner

Il nostro saluto a Simona Mafai

simona mafai3-2

 

Diamo il nostro ultimo saluto a Simona Mafai, tra le fondatrici della rivista di donne Mezzocielo, divenuta Senatrice per il PCI nel 1976 e Consigliera comunale a Palermo negli anni ’80, sempre per lo stesso partito che lasciò nel 1990. 

Era figlia di due pittori, Mario Mafai e Antonietta Raphael. Da giovanissima, durante il regime fascista, subì gli effetti delle leggi razziali, nel 1938 fu espulsa dalle scuole pubbliche insieme alle sorelle Miriam e Giulia perché la madre era ebrea. Ancora giovane divenne militante del Pci. Si trasferì in Sicilia dopo il matrimonio con Pancrazio De Pasquale, dirigente del PCI e presedente dell’ARS.

In Sicilia lottò contro il patriarcato, per i diritti e per l’emancipazione delle donne. E’ stata sempre impegnata anche nella lotta alla mafia.

Simona si è spenta oggi a Palermo, aveva quasi 91 anni, ma era ancora un punto di riferimento per tanti e tante. E’ stata un grande esempio per molte donne che hanno scelto come lei di essere impegnate in ambito politico e culturale e che dai suoi scritti hanno tratto ispirazione. Pochi anni fa aveva pubblicato sulla rivista Mezzocielo una recensione al libro “La mafia dimenticata” di Umberto Santino, libro che indaga sugli inizi della mafia nella seconda metà dell’800, mettendo in risalto il tema delle donne affrontato nel libro, donne combattive del popolo di Palermo che avevano fiducia (purtroppo di sovente malriposta) nella giustizia, o donne rapite, violentate ed anche uccise dai mafiosi e dai loro protettori.

Come hanno scritto Umberto Santino e Anna Puglisi nel loro saluto a Simona Mafai, il Centro Impastato ha potuto contare sulla sua condivisione della proposta del Memoriale-laboratorio della lotta alla mafia - No Mafia Memorial.

Simona Mafai sarà sempre nei nostri cuori e nei nostri pensieri.

 

Evelin Costa

Casa Memoria 

 

Commenti   

+1 #1 un nome importantegianluigi redaelli 2019-06-17 15:50
Simona Mafai, come poche altre con un nome che è sinonimo di lotta, amore e sagacia.
un impegno a vivere bene con onestà e forza.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato