Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Maggio 2020
D L M M G V S
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Facebook



Partner

Vicinanza al Giudice Roberto Tartaglia

tartaglia

 

Diamo la nostra vicinanza al Giudice Roberto Tartaglia. Ieri vicino alla sua abitazione è stato trovato un pacco sospetto fatto brillare dagli artificieri.

Il magistrato di origine napoletana è arrivato a Palermo nel 2011, è stato per anni procuratore alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, si è occupato del processo sulla trattativa Stato-mafia, oggi è consulente della Commissione parlamentare antimafia. Ha seguito le indagini sui clan di San Lorenzo e Brancaccio e la maxi inchiesta Apocalisse che ha portato all’arresto di quasi cento mafiosi. Nel 2013 ignoti entrarono nella sua abitazione per sottrarre una pen-drive con documenti non ancora depositati sull’inchiesta Stato-mafia. Da anni quindi vive sotto scorta. Ultimamente il suo nome era stato accostato al vertice dell’Autorità Anticorruzione.

Proprio alcuni giorni fa Giovanni Impastato ha incontrato il Dottor Tartaglia a Rosarno, presso l’Istituto Piria, per la 5ª edizione del premio Nazionale Valarioti-Impastato, in occasione del Festival della Cultura e della Legalità. Il magistrato è stato tra i primi ad essere premiato (insieme ad altre personalità di spessore impegnate nel contrasto della criminalità organizzata) con queste motivazioni: “Si è occupato del processo sulla Trattativa Stato-Mafia concluso con pesanti condanne. Esempio indiscusso per le presenti e nuove generazioni. Ha anteposto i suoi principi ad alti valori, ricevendo anche minacce di morte da parte di poteri occulti”. A consegnargli il premio Piera Aiello e Giovanni Paparcuri; Tartaglia nel suo discorso di ringraziamento ha ricordato l’agente Nino Agostino ucciso insieme a sua moglie, il 5 agosto 1989.

Siamo vicini e solidali a chi, come Roberto Tartaglia, mette ogni giorno a rischio la propria vita per lottare contro le mafie e contro il crimine. Chiediamo che la giustizia faccia il suo corso e che si contrasti ogni forma di intimidazione nei confronti di chi lotta per il bene comune e soprattutto speriamo che tutta la società civile sia vicina e protegga (anche con una rinascita culturale al di fuori delle logiche mafiose) chi si impegna contro la criminalità organizzata.

Commenti   

0 #2 Guideline cheap sldnfl no formulaRiczyRobia 2020-03-03 19:52
viagra testimonials treatment clever.cgi?mode =
viagra without a doctor prescription usa
: http://viagrawithoutdoctorpres.net viagra dosage side effects advanced search
viagra without a doctor prescription
- viagra 5mg cost return to board index
viagra pills side effects community
Citazione
0 #1 laureaLetizia Guida 2020-02-26 19:56
Piena solidarietà e grande sostegno al giudice Roberto Tartaglia per la fermezza con cui da anni esercita il suo delicatissimo e (ahimè)pericolo so compito di difendere gli italiani onesti contro la corruzione mafiosa e le malefiche connivenze presenti in vari strati della società.
Sempre ad maiora sig.r Giudice!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2020  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato