Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Agosto 2019
D L M M G V S
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Facebook



Partner

9 maggio 2016. i passi di tanti giovani

 

img 3840 8maggiocinisi2015

 

In arrivo a Cinisi 300 studenti degli istituti scolastici aderenti al progetto di educazione alla legalità “Sulle orme dei veri eroi”

 

Il dialogo tra Casa Memoria e i giovani continua. Trasmettere il valore della memoria ai ragazzi e alle ragazze provenienti da tutta Italia, e non solo, è un impegno che, in questi anni, abbiamo portato avanti, ricordando quanto Felicia ci ha insegnato e rendendoci sempre più conto di quanto Peppino sia una figura in grado di instaurare un legame molto forte con tanti giovani.

In occasione delle celebrazioni del 9 maggio, grazie al progetto di educazione alla legalità “Sulle orme dei veri eroi”, partito l’anno scorso dal Liceo delle Scienze Umane “Fabrizio De André” di Brescia, arriveranno a Cinsi 300 studenti, che parteciperanno al corteo e alle iniziative in programma. 

Il progetto cerca di approfondire il tema della cittadinanza attiva come “anticorpo” di eccellenza per la lotta e il contrasto alle mafie, attraverso testimonianze e laboratori didattici capaci di stimolare gli studenti a una riflessione sull’importanza dell’impegno civile.

“Peppino – ci dice Mario Bruno Belsito, coordinatore nazionale del progetto ‘Sulle orme dei veri eroi” – è il massimo esempio di una cittadinanza attiva e consapevole. Raccontando la sua storia, possiamo far riflettere i ragazzi su come sia possibile cambiare il sistema diventando cittadini attivi e consapevoli”.

Belsito puntualizza anche il valore fondamentale della memoria: “non possiamo dimenticare gli eroi uccisi per mano della mafia, fare questo significherebbe ucciderli ancora una volta”.

Oltre a Peppino, nel loro viaggio, gli studenti, ripercorrendo luoghi e vicende, incontreranno altri “protagonisti eroi dell’antimafia” come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Don Pino Puglisi, Beppe Alfano. 

Dopo la prima esperienza dell’anno scorso, il progetto è cresciuto, arrivando a coinvolgere quest’anno, oltre al Liceo De André, altre otto istituti scolastici: l’Ipalb Giovanni Falcone di Gallarate (Varese), il Liceo Enrico Fermi di Salò (Brescia), il Liceo Piria di Rosarno (Reggio Calabria), il Liceo Bagatta di Desenzano del Garda (Brescia) l’ITE De Fazio di Lamezia Terme (Catanzaro), l’Itis Paleopata di Bergamo, l’IIS Primo Levi di Sarezzo (Brescia).

A queste scuole si aggiungerà anche l'Istituto Pio La Torre di Palermo

Il nostro ringraziamento va a tutti gli istituti coinvolti: siamo lieti di accogliere nella terra di Peppino i passi di tanti giovani.

 

Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato