Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Maggio 2019
D L M M G V S
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Facebook



Partner

Un 7 dicembre da ricordare

 

arcivecovo2

Corrado Lorefice, nel suo primo discorso da arcivescovo di Palermo, proprio nella giornata in memoria di Felicia, ha avuto parole importanti per Peppino e il suo impegno.

“Peppino Impastato è un uomo che ha custodito un senso bello della giustizia. E nella pagina del vangelo delle beatitudini non si dice: beati i cristiani operatori della giustizia; si dice soltanto beati gli operatori della giustizia. Io sono andato, con i miei parrocchiani a visitare i luoghi di Impastato, a Cinisi. Sono andato con tante famiglie e molti bambini hanno cosi scoperto che è esistito un giovane coraggioso, come Peppino”.
Con queste parole l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, ha reso la giornata in ricordo di Felicia ancora più speciale. Il 7 dicembre, nel suo primo discorso da arcivescovo, il parroco di provincia che Papa Francesco ha voluto alla guida della più grande diocesi siciliana, ha voluto ricordare l’impegno di Peppino.

Da semplice prete, l’arcivescovo Lorefice è venuto diverse volte a visitare Casa Memoria, lo ricordiamo con affetto e con stima. Lo ringraziamo molto per il dono che ci ha voluto fare in una giornata così importante per tutti noi e gli esprimiamo il nostro sentito augurio per questo nuovo gravoso impegno: che lo possa portare avanti con serenità.

 

felicia009

 

Le sue parole hanno coronato una giornata intensa, ricca di emozioni, grazie alle testimonianze, ai ricordi, alle letture di persone che hanno conosciuto Felicia, ma anche alla freschezza di giovani donne, che come volontarie danno continuità all'attività di Casa Memoria, fortemente voluta da questa donna coraggiosa, la cui forza ancora ci sostiene e ci ispira.

La giornata si è chiusa con uno spettacolo di teatro civile, intitolato “Resistere a Mafiopoli” e tratto dall’omonimo libro di Giovanni Impastato e Franco Vassia, che ha unito musica, sandart e parole.
Un grazie sentito a tutti coloro che hanno voluto, ancora una volta, ricordare mia madre, a undici anni dalla sua scomparsa.

Giovanni Impastato

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato