Ricordiamo: Carmelo Ianni’

iann

Il 28 Agosto 1980 veniva ucciso Carmelo Iannì, albergatore di Villagrazia di Carini.

Pochi conoscono la sua storia e quella della sua splendida famiglia.

Noi Volontari di Casa Memoria, abbiamo avuto l’onore di conoscerli, toccando con mano la sofferenza e il ricordo della Famiglia.

Oggi, vogliamo ringraziare: Liliana, Roberta, Monica e Giovanna per avere lottato nonostante il dolore e per averci concesso le loro preziose, vere e sofferte testimonianze, raccolte dopo 34 anni, in un Documentario  dove hanno deciso di ricordarlo come :“Un Uomo al servizio dello Stato”.

Realizzato all’interno del Progetto “Un ponte per la memoria”, potete richiedere una copia gratuita presso  Casa Memoria.

I volontari:

Cristina Cucinella

Georgia Palazzolo

Lorenzo Randazzo

Mara Manzella

Chiara Baiamonte

Claudia Nigrelli

Giuseppe Altavilla 

Luisa Impastato

{jcomments on}

 

 

 

 

 

 

 

Felicia-Bartolotta-e-Anna-Puglisi-foto-di-Pino-Manzella-750x375

Mostra fotografica “Questione di sguardi”

La mostra fotografica è organizzata dall’associazione ASADIN e patrocinata dal Comune di Terrasini, è visitabile fino al 15 Settembre presso il Margaret Café, in Via Madonia 93.

Una serie di fotografie in cui viene messo in risalto lo sguardo. Un viaggio emozionale tra occhi che parlano, occhi che ridono, occhi che piangono, occhi che esprimono suggestioni velate, per scoprire complicità, intese, amicizia, stupore, intensità, maternità, in un percorso verso la profondità dell’animo umano e la vera essenza della vita, in cui tutto si esprime solo in una questione di sguardi.

Felicia-Bartolotta-e-Anna-Puglisi-foto-di-Pino-Manzella-750x375

All’ interno della mostra “Questione di sguardi” è presente una foto, scattata dal nostro caro amico Pino Manzella che ritrae Felicia Bartolotta e Anna Puglisi, nell’attimo in cui i loro occhi fanno scoprire la profonda complicità tra due grandi donne che hanno condiviso momenti di lotta e di resistenza.

Pino Manzella, lo ricordiamo e anche autore del murales: Il filo rosso della memoria, presente a Casa Memoria, dedicato a Peppino, Felicia  e i compagni scomparsi in questi ultimi anni.

 

 

{jcomments on}

tavola della pace

Festa di Pace: I nostri 10 anni

 

tavola della pace

Non si può separare la Pace dalla Libertà perché nessuno può essere in Pace senza avere Libertà. Abbiamo operato con questo pensiero come guida e siamo orgogliosi di condividere con voi la nostra festa di compleanno. I momenti di dibattito riassumono i principali temi che abbiamo trattato in questi 10 anni.

{jcomments on}

castel-carini

Il cancro della corruzione

 castel-carini

Presentazione del libro

IL CANCRO DELLA CORRUZIONE

del tenente colonnello, Claudio Fardella Mazzarese Mungivera,

ex comandante della compagnia dei carabinieri di Carini.

Sabato 23 agosto 2014 ore:19.00

presso il Castello La Grua Talamanca di Carini

{jcomments on}

 

orteo ponteranica

Lettera del Sindaco di Ponteranica

orteo ponteranica

 

Riportiamo una parte della lettera inviata al sindaco di Ponteranica  da parte dell`Associazione Casa Memoria, dal Centro Impastato, dall`Ass. Peppino Impastato e dal Comitato Peppino Impastato di Ponteranica.

…ci farebbe piacere che la nuova amministrazione raccogliesse queste richieste e riconsegnasse a Peppino la dignità che gli è stata tolta, certamente non reintitolandogli la biblioteca, imitando certe bassezze leghiste, ma dedicandogli un nuovo spazio altrettanto significativo…

 

La risposta del neo Sindaco di Ponteranica Alberto Nevola.

“Cari tutti, approfitto della relativa pausa estiva per rispondere, e volentieri, alla vostra lettera. Le urgenze e le emergenze dell’attività di governo hanno fagocitato il lavoro mio e della giunta appena insediata, ma non ci hanno fatto dimenticare l’importante. Affatto. E la questione della rimozione della Targa a Peppino Impastato resta per noi una priorità.

Da diversi punti di vista. I nostri obiettivi, ora come sempre, mai come ora, sono saldi e chiari:

1- Restituzione della dignità alla memoria di Peppino Impastato, ai parenti e a chi si è fatto portavoce in questi anni delle sue istanze di giustizia e libertà.

2- Ripristino di un clima di rispetto istituzionale, la base per consolidare una relazione di fiducia tra politica e cittadini.

3- Comunicazione articolata per promuovere un messaggio chiave: Peppino Impastato non è una vittima di una fazione partitica. E’ vittima civile.

Tutti coloro che credono nell’equità e nella trasparenza, e le difendono, ‘sono’ Peppino Impastato. Indipendentemente dal colore politico.

Fermo quanto detto, ho ricevuto nei giorni scorsi una proposta dal Comitato Peppino Impastato di Ponteranica che prevede un percorso articolato che dovrebbe sfociare, nella prossima primavera, in una serie di iniziative di ampio rilievo e nell’intitolazione di un luogo pubblico (diverso dalla biblioteca) alla memoria di Peppino.

In questo contesto spero che si possa lavorare tutti insieme per questo grande progetto.

Nella speranza di incontrarvi presto, vi saluto con affetto.”

Alberto Nevola

{jcomments on}

Scansione

Francesco Impastato presenta Storie di note

Scansione

Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

in collaborazione con Libera-mente

e Rete 100 Passi

presentano

LA STORIA DI PEPPINO IMPASTATO

di e con Francesco Impastato , vincitore del Premio Musica e Cultura 2014.

MERCOLEDI’ 6 AGOSTO

ore 21.30

Bene confiscato “Ciuri di Campo”

via Sandro Pertini, traversa 1 Marina di Cinisi (PA)

{jcomments on}