guidoattuale

Un omaggio a Guido Orlando

guidoattuale

 

Sarà dedicata a lui la terza edizione del premio fotografico “Peppino Impastato – Musica e Cultura”. A giorni il bando per partecipare

Oggi vogliamo ricordare Guido Orlando, scomparso prematuramente cinque anni fa. Fu un caro amico e compagno d`impegno civile e sociale  di Peppino Impastato nonché tra i fondatori dell’ Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e dell` Associazione Asadin.
Pensiamo che il modo migliore per onorare la sua memoria sia  quello di dedicargli, da quest`anno, il Premio fotografico già alla sua terza edizione “Peppino Impastato- Musica e Cultura”, premio che lo stesso Guido Orlando, quando era ancora in vita, aveva contribuito a ideare.
Abbiamo affidato all’associazione Asadin l’organizzazione del Concorso, che sarà in continuità con le precedenti edizioni, i vincitori del quale saranno premiati durante le giornate del 9 Maggio. Il tema scelto è quello dei DIRITTI NEGATI coerentemente al tema centrale deciso durante le giornate del primo incontro del gruppo di lavoro di Coordinamento Nazionale di Casa Memoria, svoltesi nell’ ottobre scorso a Cinisi.
A giorni uscirà il bando… quindi tenete d’occhio il nostro sito, appena pronto lo pubblicheremo.

Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

{jcomments on}

 

Guido Orlando 2017

Ambienti relitti ma ancora felici

Guido Orlando 2017

 

Da mercoledì 22 febbraio a Terrasini una mostra fotografica di Guido Orlando dedicata alle prime riserve naturali e aree protette di Sicilia

Ancora una mostra fotografica di Guido Orlando a Terrasini. Si inaugurerà mercoledì 22 febbraio alle ore 17.30 nella sala dell’Ex Antiquarium presso il Palazzo Municipale in piazza Falcone e Borsellino e sarà visitabile fino al 5 Marzo, tutti i giorni dalle 16.30 alle 19.30.
La mostra, dal titolo “Natura e Riserve di Sicilia – Ambienti relitti ma ancora felici”, è stata curata dalla famiglia Orlando, dall’Associazione Asadin, dall’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e dall’Associazione Peppino Impastato.
Tratta dall’enorme produzione fotografica di Guido Orlando, viene proposta una selezione di immagini della prima metà degli anni ’80 dedicate ad ambienti relitti ma ancora felici, in una Sicilia che, dopo anni di devastazione, vedeva nascere le prime aree protette e le prime Riserve Naturali Orientate, dopo la L.R. n.98 del 1981. Scatti che documentano una bellezza naturale costantemente minacciata dal degrado e dalle aggressioni di ieri e di oggi. Un’altra occasione per riflettere, per un confronto e (forse) per riuscire finalmente a sapere “che fare”.
Guido Orlando è prematuramente scomparso il 22 Febbraio del 2012. E’ stato uno dei compagni di Peppino Impastato, tra i fondatori di Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e dell’Associazione fotografica Asadin. La fotografia è stata la sua massima forma di espressione. Ha documentato, conservandone la memoria, le attività politiche e culturali di Peppino e dei suoi compagni. Presente in tante iniziative, sempre con la sua inseparabile macchina fotografica. Nelle sue diverse pubblicazioni si è occupato di ambiente, natura, dell’ecosistema siciliano e del rapporto tra esseri umani e paesaggio.

Associazione Asadin

{jcomments on}

sanremosuccesso

Un grande successo

sanremosuccesso

 

Più di 1200 studenti e docenti al Festival della Legalità e delle Idee svoltosi al Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo

Più di 1200 studenti e docenti hanno partecipato al Festival della Legalità e delle Idee svoltosi al Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo dal 13 al 15 febbraio. Alla tre giorni di incontri organizzati per ricordare gli “Uomini della Legalità” hanno partecipato gli istituti scolastici Cassini, Marconi, Colombo, Amoretti di Imperia e Sanremo.
L’iniziativa, giunta alla sua terza edizione grazie alla collaborazione tra il Casinò e il Centro Impastato di Sanremo, ha reso omaggio ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e a tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita al servizio dello Stato.
A chiudere il Festival con successo sono stati Giovanni Impastato, Donata Bergamini, sorella di Denis, calciatore della squadra del Cosenza, morto nel 1989 in circostanze ancora avvolte nel mistero, e il rapper Kento.
Due storie quella di Peppino e di Bergamini dai tratti comuni. Per Peppino si è arrivati a una verità giudiziaria, dopo venti lunghi anni, per Bergamini ancora nulla è chiaro e la sua famiglia sta ancora lottando per ottenere giustizia.
“La storia di Peppino e quella di Denis Bergamini – ha spiegato Giovanni Impastato – si accomunano per tutta una serie di depistaggi, insabbiamenti, di fughe di notizie e di ingiustizie, anche se erano due persone diverse. Peppino era un militante politico, antimafia, mentre Bergamini era un calciatore, sicuramente molto scomodo nel suo ruolo, nella sua onestà e ha pagato con la vita così come l’ha fatto Peppino”. Testimonianze importanti che hanno ribadito ancora una volta il valore dell’iniziativa di Sanremo. “Credo – ha concluso Giovanni Impastato – che questo Festival sia stato un momento davvero importante. Sono ritornato volentieri e sono molto soddisfatto per la grande partecipazione che riscontro ogni anno”.

Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

{jcomments on}

festivallegalit 2016 5

In ricordo degli Uomini dela Legalita’

festivallegalit 2016  5

 

Da domani al Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo il Festival della Legalità e delle Idee

E’ tutto pronto per il Festival della Legalità e delle Idee, organizzato in collaborazione con i Magistrati Dott.sa Grazia Pradella e Dott. Roberto Cavallone, il Centro Peppino Impastato e   gli istituti scolastici, giunto alla terza edizione. Da domani per tre giorni fino al 15 febbraio, il teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo accoglierà il Comandante Alfa fondatore dei G.I.S. (gruppo intervento speciale dei Carabinieri ), tra le migliori forze speciali al mondo, il Generale dei Carabinieri Angiolo Pellegrini, Giovanni Impastato, fratello di Peppino, lo scrittore Fabrizio Prisco con Donata Bergamini, il cantautore Amedeo Grisi e il rapper Kento.
Una tre giorni di incontri per ricordare gli “Uomini della legalità” , attraverso confronti, presentazioni di libri su cui si innestano sipari di musica, e video suddivisi tra i momenti mattutini, dedicati alle scuole, e gli spazi pomeridiani a partire dalle 16.00, ad ingresso libero.
“Apriamo la terza edizione di un Festival concepito come momento di riflessione e di incontro tra i protagonisti, la scuola e la società civile”- sottolineano i vertici di Casinò Spa-“ organizzato con l’apporto determinante dei magistrati Dott.sa Grazia Pradella e Dott. Roberto Cavallone, con cui è nato questo importante progetto e che ringraziamo. Progetto che si inserisce nel “Ciclo della Legalità” interno ai Martedì Letterari, un percorso che ha visto sino ad oggi intervenire tanti protagonisti della storia italiana, uno per tutti il Ministro della Giustizia Andrea Orlando. La partecipazione di tanti docenti e ragazzi riafferma la grande attenzione e il profondo legame istaurato con il comprensorio, legame che ci onora e che ci sprona a creare spazi culturali di grande qualità. Ancora grazie ai protagonisti di questo Festival, che deve e può guardare lontano”.
L’inaugurazione è fissata alle ore 10.30 per le scuole, alle ore 16.00 per la società civile. Sarà  il Comandante Alfa fondatore dei G.I.S. (gruppo intervento speciale dei Carabinieri ) ad aprire il Festival. Racconterà la sua straordinaria esperienza, la sua crescita professionale ed umana che lo ha portato ad essere un servitore dello Stato, sacrificando anche gli affetti più cari ma salvaguardando la vita di tante persone. Interverrà il cantautore Amedeo Grisi.
Martedì 15 febbraio verrà ricordato il venticinquesimo anniversario della morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, quel terribile maggio-luglio 1992 , che segnò in maniera indelebile la storia italiana. Sarà il libro “Noi uomini di Falcione” di Angiolo Pellegrini a ripercorrere l’esperienza di chi ha vissuto ed operato con il magistrato simbolo della lotta alla mafia. Pellegrini (Roma 1942), generale dell’Arma dei carabinieri, è stato comandante della sezione antimafia di Palermo dal 1981 al 1985. Come uomo di fiducia del pool, ha portato a compimento le più importanti indagini nei confronti di Cosa Nostra. Le racconta come le ha vissute.
Mercoledì 15 febbraio ore 10.30 il nuovo libro del prof. Fabrizio Prisco “Campioni per sempre” permetterà di parlare di aspetti forse meno noti dell’ambito sportivo attraverso la vita e l’esperienza di molti grandi campioni. Si parlerà di come si può morire per il doping, anche dopo anni dall’assunzione. Donata Bergamini condividerà il dramma che ha colpito la sua famiglia: la morte del Fratello “Denis”, la cui scomparsa presenta ancora, dopo più di vent’anni, molti interrogativi.
Giovanni Impastato, che sostiene con la sua presenza da tre anni il Festival, interverrà con il Rapper kento in un concerto incontro sulle note di “Resistenza sonora”.
Il Festival della Legalità terminerà in musica trasmettendo il messaggio di una quotidianità di tematiche, che devono restare nella cultura collettiva come patrimonio da coltivare .
Il Festival della Legalità e delle Idee è condotto da   Claudio Porchia, Presidente Centro Impastato Sanremo e da Marzia Taruffi, responsabile dell’Ufficio Stampa e Cultura del Casinò di Sanremo. L’Ingresso è libero.

Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

{jcomments on}