giovanni cas

Estate con Casa Memoria 2019

giovanni cas

 

Come potete constatare Casa Memoria quest’anno, come tutti gli altri anni, non è andata in ferie. Gli attivisti e la famiglia Impastato sono stati presenti anche nelle giornate di Ferragosto, realizzando una serie di iniziative durante l’intera estate, partendo dal 6 Giugno fino ad arrivare a fine Agosto con il tour dei 100 passi a cui hanno partecipato più di 150 persone.

Un altro importante evento estivo che ha suscitato molte emozioni è stata la realizzazione dei Murales MURI di MARE insieme al Comune di Terrasini.

Casa Memoria ha anche continuato le attività quotidiane, aprendo le sue porte tutti i giorni ed accogliendo migliaia di persone.

Ancora l’estate non si è conclusa e noi continueremo ad accogliere e a fare cultura. Vi aspettiamo!

 

Sotto le iniziative dell’estate 2019:

Giovedì 6 Giugno 2019 Andrea Turco ha presentato il suo libro intitolato “La citta a sei zampe”, Villaggio Maori Edizioni, presso il bene confiscato ex Casa Badalamenti. L’iniziativa era a cura dell’ass.ne RADIO AUT in collaborazione con l’Ass.ne Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato.

 

Lunedì 10 Giugno abbiamo presentato il romanzo giallo “La nuova inquisizione – Redde Rationem”, Alter Ego Edizioni, di Carlo Legaluppi presso il bene confiscato ex casa Badalamenti. Dialogava con l’autore Francesca Marzilla.

 

Il 18 Luglio presentato presso il bene confiscato alla mafia EcoVillaggio Solidale Fiori di Campo il libro “Oltre i cento passi” di Giovanni Impastato, Edizioni Piemme. Esposta la mostra di vignette di Vauro Senesi e Pino Manzella. Dialogava con l’autore Lavinia Spalanca.

 

Il 27 Luglio 2019 presentato presso il bene confiscato alla mafia EcoVillaggio Solidale Fiori di Campo) il libro “Oltre i cento passi” di Giovanni Impastato, Edizioni Piemme. Esposta la mostra di vignette di Vauro Senesi e Pino Manzella. Dialogava con l’autore Lavinia Spalanca.

 

8 AGOSTO alle 16:30 presentazione del libro “Come ape e fiore. Sui passi di Danilo Dolci” – Navarra Editore, di e con Vanessa Leone e Vincenzo Di Paola (illustrazioni Rosalia Di Maggio). L’incontro si è svolto con la lettura del testo, un laboratorio di piantumazione sul PERCORSO DEI 100 PASSI ed una merenda gustosa.

 

Domenica 18 Agosto presentato il romanzo giallo “La nuova inquisizione – Redde Rationem”, Alter Ego Edizioni, di Carlo Legaluppi presso il Margaret Cafè in Via V.Madonia 93, Terrasini (PA). Dialogava con l’autore Francesca Marzilla.

 

Mercoledì 21 Agosto alle ore 19.00 “Passeggiata di inaugurazione” dei MURI di MARE tra le vie di Terrasini per osservare i 4 murales realizzati da Igor Scalisi Palminteri, Alessandro Bazan, Fulvio Di Piazza, Andrea Buglisi. Progetto MURI di MARE – Nuovo muralismo a Terrasini ideato da Evelin Costa ed Igor Scalisi Palminteri, scritto da Mauro Filippi, realizzato da Casa Memoria Impastato con il Comune di Terrasini.

 

Tour “100 passi”, all’interno del Festival Scruscio, nei luoghi della memoria di Peppino Impastato il 29 Agosto 2019 pomeriggio con la presenza di Giovanni Impastato e degli attivisti di Casa Memoria.

Foto in copertina di Antonello Collosi. Altre foto di Evelin Costa e Alessia Di Ranno

 

69427823 2660942547284313 4562765765400330240 n 

67375444 2601181506593751 4529638764250660864 n

64439140 2513045258740710 2216245163875893248 o

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.44.29

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.50.061

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.50.06

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.31.05

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.33.18

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.41.361

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.41.352

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.41.34

69656943 2647176985327536 7241090182726811648 n

WhatsApp Image 2019-08-31 at 10.41.36

 

 

{jcomments on}

 

Senza titolo-2

Passeggiata di inaugurazione dei murales “MURI di MARE” a Terrasini

Senza titolo-2

 

Mercoledì 21 Agosto alle ore 19.00 “Passeggiata di inaugurazione” dei MURI di MARE tra le vie di Terrasini.

A partire dalla Piazza Falcone e Borsellino, dopo un breve momento di incontro, inizieremo la nostra passeggiata per osservare i 4 murales che sono stati realizzati in questi giorni a Terrasini. Sarà l’occasione per incontrare i quattro artisti, Igor Scalisi Palminteri, Alessandro Bazan, Fulvio Di Piazza, Andrea Buglisi, tra i maggiori esponenti della nuova pittura siciliana. Il tema del Progetto MURI di MARE – Nuovo muralismo a Terrasini è il confronto tra MARE e MURI, “il mare non ha muri, confini e divisioni, è accoglienza, libertà, forza che rompe anche muri di silenzio e le separazioni. E’ un bene da proteggere e curare. Il progetto vuole valorizzare la bellezza, sensibilizzare al rispetto dell’ambiente e a far sviluppare un’idea di comunità”.

Saranno presenti oltre agli artisti, il Sindaco di Terrasini, l’Assessora alla cultura e all’istruzione Arianna Fiorenza, Luisa Impastato Presidente dell’Associazione Casa Memoria Felicia Impastato, Giovanni Impastato, Evelin Costa (tra gli ideatori del progetto) e tanti altri.

Le vie che raggiungeremo sono: Via delle Rimembranze (Murales di Igor Scalisi Palminteri), Via Randisi – Piazzetta Consiglio (Murale di Andrea Buglisi), Via La Grua Talamanca (Murale di Alessandro Bazan), Via Trieste (Murale di Fulvio Di Piazza).

{jcomments on}

 

pittori

MURI DI MARE – Nuovo Muralismo a Terrasini

 

pittori

 

MURI DI MARE

 

Nuovo Muralismo a Terrasini

 

Dal 16 al 20 Agosto saranno realizzati quattro grandi MURALES nel territorio comunale di TERRASINI, che creeranno un percorso artistico e culturale che collegherà i principali siti di interesse monumentale del paese.

 

Il progetto MURI DI MARE – Nuovo Muralismo a Terrasini, promosso dall’associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato Onlus con il Comune di Terrasini ed in particolare l’Assessorato alla cultura e all’istruzione, è stato ideato da Evelin Costa ed Igor Scalisi Palminteri e scritto da Mauro Filippi.

Gli autori dei murales, Igor Scalisi Palminteri, Andrea Buglisi, Fulvio di Piazza e Alessandro Bazan, rappresentano un interessante spaccato della proposta pittorica contemporanea siciliana. Come hanno già sperimentato a Palermo durante il progetto Cartoline da Ballarò, anche a Terrasini lavoreranno a contatto con i cittadini in un percorso condiviso di valorizzazione e cura degli spazi.

 

Il tema è il confronto tra MARE e MURI, il mare non ha muri, confini e divisioni. “Il mare è “voce di libertà” che infrange anche muri di silenzio e le separazioni. E’ metafora di accoglienza, è un bene da custodire. Bisogna sensibilizzare la società civile al rispetto dell’ambiente e all’idea di comunità“, queste le parole di Evelin Costa, tra gli ideatori del progetto sostenuto fin da subito dall’assessora Arianna Fiorenza: “I panorami da sogno di Terrasini hanno ispirato artisti, registi e poeti come il grande poeta del ‘700 Giovanni Meli. Terrasini è un paese di pescatori che ancora oggi tramandano le tradizioni marinare alle nuove generazioni, al contempo è un paese aperto alle novità, non a caso negli anni ’70 nacque la prima Comune hippy d’Italia. Come amministrazione ci stiamo impegnando per valorizzare la bellezza e sviluppare la crescita culturale tramite rassegne d’arte, poesia, letteratura e teatro, in questa direzione va anche il progetto Muri di Mare.”

 

Terrasini si è distinta anche nell’impegno per la legalità ospitando nel 1977 Radio Aut, la Radio di Peppino Impastato, attivista contro la mafia. “Per Peppino e i suoi compagni la cultura era partecipazione attiva e creativa e strumento di lotta, denuncia e difesa dall’oppressione mafiosa. Anche l’eredità lasciataci da mamma Felicia è promuovere la cultura come opposizione alla mafia. Oggi, proporre eventi artistico culturali nel nostro territorio, è non solo fondamentale, ma addirittura necessario, come strumento di sensibilizzazione, di analisi del territorio stesso e di riflessione rispetto al momento storico in cui viviamo“, così afferma Luisa Impastato, nipote di Peppino e Presidente di Casa Memoria Impastato, promotrice del progetto.

 

Speriamo nel coinvolgimento di altre associazioni territoriali, come l’ass.ne Peppino Impastato che ha già dato la sua adesione al progetto. Per consolidare il rapporto con il territorio, Igor Scalisi Palminteri omaggerà la cittadinanza con un murale che realizzerà nel Parco giochi di Terrasini coinvolgendo bambini ed associazioni.

 

Le vie dove si trovano i muri: Via delle Rimembranze, Via Randisi (Piazzetta Consiglio), Via Trieste, Via La Grua Talamanca.

Gli artisti:

Igor Scalisi Palminteri diplomato in Pittura all’Accademia di Belle Arti, ha esposto in numerose mostre collettive in città italiane ed europee. Ha diretto laboratori di arti visive spesso rivolti a minori a rischio di esclusione sociale. Insignito del premio per la migliore fotografia indetto dal Ministero per l’Alta Formazione artistica e musicale.

Andrea Buglisi è diplomato in Decorazione all’Accademia di Belle Arti con una tesi sulla Street Art, attualmente insegna discipline pittoriche presso il Liceo Artistico E. Catalano di Palermo. Le sue opere sono state presentate in mostre personali e collettive in Italia e all’estero (Riso, Mart, Palazzo Bellomo, Stadtgalerie, Kunstpalast, Biennale di Venezia etc.).

Fulvio Di Piazza ha conseguito il diploma in pittura presso l’Accademia di belle arti di Urbino. Nel 1996 dà vita con Alessandro Bazan, Francesco De Grandi e Andrea Di Marco alla cosiddetta Nuova Scuola di Palermo. Nel 2003 inizia la collaborazione con la galleria Bonelli (nella sua prima sede a Mantova), negli ultimi anni si intensificano le esperienze all’estero. A Palermo insegna pittura presso l’Accademia di belle arti.

Alessandro Bazan, pittore figurativo, esponente e capofila dagli anni ’90 della cosiddetta Scuola di Palermo, è tra i primi pittori siciliani, insieme a Fulvio Di Piazza, Andrea Di Marco e Francesco De Grandi, a riscoprire la pittura di Guttuso, reinterpretandola e mescolandola con riferimenti alla cultura pop e cinematografica. Sue opere fanno parte della permanente del Museo di Arte Contemporanea di Palermo a Palazzo Riso. È docente di Fenomenologia del corpo, Elementi di morfologia e dinamiche della forma, Anatomia dell’immagine, Anatomia artistica e Disegno per la scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo.

 

Evelin Costa

Casa Memoria

67967390 2636126706432564 7114693594467794944 n    68273647 2636127139765854 5857931905336344576 n

67910744 2636127226432512 7499137753515294720 n    68774631 2636127293099172 390104247338795008 n

{jcomments off}

 

 

rid

A Terrasini presenteremo il thriller di Carlo Legaluppi, “La nuova inquisizione – Redde Rationem”

rid

 

 

Domenica 18 Agosto alle ore 18.30 sarà presentato il romanzo giallo “La nuova inquisizione – Redde Rationem”, Alter Ego Edizioni, di Carlo Legaluppi presso il Margaret Cafè in Via V.Madonia 93, Terrasini (PA).

Dopo l’interessante incontro svolto a Cinisi nel mese di Giugno abbiamo pensato di ripetere l’appuntamento a Terrasini per incontrare ancora Carlo Legaluppi.

Presenta il libro la Professoressa Francesca Marzilla che dialogherà con l’autore.  Interverrà Giovanni Impastato. Coordina l’incontro Evelin Costa.

L’evento è organizzato da Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e dall’Ass.ne Asadin.

 

“La nuova inquisizione – Redde Rationem” è il terzo libro dedicato alle avventure dell’ex capitano del Sas Sir Alexander (Alex) Martini – Miller, seguito ideale de “La ottava Croce celtica – Nulla è come sembra” (Alter Ego, 2016) e “La morte viene dal passato – Nubi scarlatte” (Alter Ego, 2017). I primi due libri hanno ricevuto vari premi e riconoscimenti in concorsi letterari nazionali e internazionali. 

Los Angeles, aprile 2017.

Il detective Dylan Stevenson deve indagare su un incidente stradale nel quale hanno perso la vita due bambini, apparentemente in fuga dall’istituto per orfani St. Gabriel.

Nel frattempo, a Milano, l’ex Capitano in congedo del Sas, Sir Alexander (Alex) Martini Miller, viene coinvolto, suo malgrado, nelle indagini sulla misteriosa sparizione di Melissa, sua ex fiamma. In una corsa contro il tempo e contro nemici che sembrano provenire da ogni parte, Alex scopre che, dietro la sparizione dell’amica, potrebbero nascondersi le tessere di un agghiacciante mosaico, rispetto al quale il rapimento di Melissa rappresenta la punta dell’iceberg. Assieme agli intrepidi amici Carlo Lamberti e Cyrus Fox, l’ex capitano del SAS si trova invischiato in una battaglia contro una misteriosa organizzazione, il cui piano delirante potrebbe addirittura sconvolgere gli equilibri internazionali.

È la resa dei conti, per Alex.

In un rocambolesco susseguirsi di scontri, dovrà mettere a repentaglio la propria vita e quella dei propri amici, non solo per salvare la pelle e per scoprire il progetto che si nasconde dietro le macchinazioni dell’organizzazione, ma anche e soprattutto per ritrovare se stesso, e fare i conti con il proprio passato.”

 

Carlo Legaluppi nasce nel 1957 a Manciano. Giovanissimo, si trasferisce a Grosseto, dove risiede tuttora con la moglie e le due figlie. Ex dirigente centrale di un primario gruppo bancario, è attualmente vicepresidente dell’associazione Letteratura e Dintorni di Grosseto, che ha dato vita al premio letterario nazionale Città di Grosseto Amori sui generis, nonché vicecoordinatore del comitato promotore del Premio letterario Toscana.

{jcomments on}

IMG-20190807-WA0014 1

SCRUSCIO: Tour Cento Passi nei luoghi di Peppino

IMG-20190807-WA0014 1

 

Si avvicina il giorno del tour “100 passi” nei luoghi della memoria di Peppino Impastato, promosso dal Festival “Scruscio”.

Lo scorso anno il tour ha avuto un grande successo, speriamo quest’anno di ripetere la stessa bella esperienza che ci ha dato grandi emozioni e permesso di conoscere tantissime persone.

Invitiamo tutti ad iscriversi e partecipare, l’iscrizione è gratuita.

A parte il ricordo di Peppino anche quest’annoci interessa sollevare per l’ennesima volta la questione riguardante il Casolare. Vogliamo sollecitare tutti gli Enti, la Regione, il Comune a risolvere questo problema per cui lottiamo da tempo. Finora solo promesse e mai fatti concreti. 

Vogliamo quindi approfittare di questa giornata per realizzare un presidio con l’obiettivo di sensibilizzare sia gli enti preposti che la società civile. Da alcuni anni la mattina del 9 Maggio al Casolare migliaia di giovani rendono omaggio a Peppino, ragazzi arrivati da ogni parte di Italia e del mondo con lo stesso obiettivo, purtroppo però il Casolare ancora oggi non è restituito alla collettività, come riteniamo giusto che sia, per il rispetto della memoria storica di questa vicenda, ma anche quella di tutto il Paese.

Programma Tour “100 passi”

Aperte le iscrizioni per il tour “100 passi” nei luoghi della memoria di Peppino Impastato, che si svolgerà giorno 29 Agosto 2019 pomeriggio con la presenza di Giovanni Impastato e degli attivisti di Casa Memoria. Per info e prenotazione gratuita posto pullman scrivere a casamemoriaimpastato@gmail.com o telefonare al numero fisso di Casa memoria Impastato 0918666233 oppure al cellulare 3311490946 (Mara) .

Il tour è una delle tappe del Programma di Scruscio, il Festival sulla Sicilia e i siciliani diretto e condotto da Massimo Minutella, che si svolgerà il 28 e 29 Agosto a Terrasini presso il Palazzo d’Aumale e che comprende incontri, visite guidate, workshop, conversazioni con artisti e spettacoli musicali.

  • Il Tour nei Luoghi di Peppino Impastato partirà il 29/08/2019 alle ore 17.00 (puntuali) da Palazzo D’Aumale, sede del Museo Regionale Interdisciplinare, che si trova nel Lungomare Peppino Impastato a Terrasini. 
  • Dopo un momento di incontro con Giovanni Impastato e gli attivisti di Casa Memoria Impastato, con un pullman si procederà tutti insieme verso quella che fu la sede di Radio Aut a Terrasini, da cui Peppino ed i suoi compagni contestavano lo strapotere mafioso e le sue collusioni con la politica. Dalla radio veniva trasmessa anche Onda pazza, “Trasmissione satiro-schizo-politica sui problemi locali”.
  • Si ripercorrerà l’ultimo presunto tragitto di Peppino dalla radio verso casa a Cinisi. 
  • Ci si fermerà dunque al Casolare, luogo dell’omicidio di Peppino, che oggi è diventato una tappa importante per tanti ragazzi e ragazze durante la mattina del 9 Maggio dedicata alle scuole, in memoria di Peppino. 
  • Dopo un momento di raccoglimento, dal Casolare si procederà verso il bene confiscato alla mafia Eco-villaggio solidale Fiori di Campo, gestito dalla Cooperativa sociale Libera-mente.
  • Dopo una visita all’eco-villaggio, dove tanti ragazzi durante l’anno svolgono campi di formazione, si arriverà a Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato per una visita all’interno della casa dove visse Peppino Impastato e la sua famiglia, aperta a tutti i visitatori per volontà di mamma Felicia, che voleva raccontare le lotte del figlio contro la mafia e la verità sul suo assassinio. Nella primavera del 2005, poco dopo la scomparsa di Felicia avvenuta il 7 dicembre 2004, la casa è diventata un Museo di giustizia e verità, luogo di cultura, memoria, arte e impegno, punto di riferimento per tanti giovani e non solo.
  • Conclusa la visita a Casa Memoria si camminerà insieme lungo il percorso dei cento passi, simboleggiato dalle “Pietre d’inciampo”, un’opera d’arte a cielo aperto che segna la distanza tra Casa Memoria e quella che era l’abitazione del Boss mafioso Gaetano Badalamenti, mandante dell’omicidio di Peppino. Questa casa adesso è stata confiscata e restituita alla collettività. 
  • Si visiterà l’ex casa Badalamenti. Un salone è affidato a Casa Memoria per incontri, conferenze e come sala espositiva per mostre, il resto dello stabile è sede della Biblioteca Comunale “Francesco Paolo Abbate” di Cinisi.
  • Dopo la visita, i saluti e la speranza di continuare anche in futuro un percorso di verità, libertà, impegno e giustizia, con le idee e la voce ed il coraggio di Peppino che ancora dopo quarant’anni continuano a farsi sentire.

Chiediamo la massima puntualità (ore 17.00) per la partenza del tour per permettere ai partecipanti di essere presenti anche ai successivi eventi della serata che si svolgeranno all’interno del Palazzo d’Aumale.

Per il resto del programma di Scruscio si potranno trovare tutti gli eventi elencati in locandina.

a

{jcomments on}

 

Palazzo-Madama-Parlamento-700x406

La disumanita’ e’ legge, passa il decreto sicurezza bis

Palazzo-Madama-Parlamento-700x406

 

Il 5 agosto Il Senato, con il voto di fiducia posto dal Governo Lega-5stelle, ha dato il via libera al “decreto sicurezza bis”.

I voti favorevoli sono stati in totale 160, 57 i contrari e 21 gli astenuti. Hanno votato a favore Lega e Movimento 5 stelle, che non hanno avuto nessun problema a votare compatti una legge disumana e liberticida contro cui molte associazioni in questi giorni avevano protestato con lo slogan “La disumanità non può diventare legge”.

 

Il nuovo decreto si occupa di “ordine pubblico” durante le manifestazioni pubbliche e del soccorso in mare. Da adesso ad occuparsi del transito o la sosta di navi nel mare territoriale sarà il Ministro dell’Interno (e non solo il Ministro delle Infrastrutture) quando presupporrà che sia compiuto il reato di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. E’ prevista una sanzione che va da un minimo di 150mila euro a un massimo di un milione di euro per il comandante della nave, “in caso di violazione del divieto di ingresso, transito o sosta in acque territoriali italiane”. La nave potrebbe essere sequestrata ed eventualmente diventare di proprietà dello Stato che potrà, dopo la confisca usarla, venderla o distruggerla. E’ previsto anche l’arresto in flagranza per il comandante.

E’ evidente che si vogliono colpire direttamente le ONG e le associazioni solidali e umanitarie che si occupano del salvataggio di vite umane nei nostri mari. Il risultato sarà la morte di tantissime persone in mare, donne, bambini, la cui colpa è quella di sperare in una vita migliore, ma purtroppo dopo mesi e mesi di propaganda politica ed odio sui social si cerca di convincere l’opinione pubblica che la vita umana sia secondaria e nemmeno le immagini di bambini annegati in mare colpiscono le coscienze di tanti.

 

Riguardo alle manifestazioni pubbliche il nuovo decreto inserisce nuove sanzioni e inasprisce fortemente quelle già esistenti nei confronti di chi protesta. Il risultato sarà quello di creare preoccupazione e timore nei tanti che vogliono esprimere il proprio dissenso e di dissuadere dal partecipare alle dimostrazioni di piazza, cortei e di lottare collettivamente per i propri diritti. Leggi che reprimeranno i Movimenti che finora si sono battuti in difesa dei territori e dell’ambiente, come i NoTAV, che negli ultimi anni avevano ricevuto tante promesse in particolare dal Movimento 5 stelle.

 

La lega ha per l’ennesima volta fatto valere le proprie scelte politiche razziste ed il movimento 5 stelle ha svelato la propria essenza e palesato le proprie idee in materia di immigrazione che non sono mai state distanti da quelle dell’alleato di governo: Luigi Di Maio, leader del movimento, chiedeva già da mesi al ministro dell’interno di “fare di più sui rimpatri che sono fermi al palo”, adesso è ancora più chiara da che parte va la loro azione.

 

Non possiamo accettare una deriva razzista, intimidatoria, liberticida e repressiva. Bisogna difendere lo Stato di Diritto e i Diritti Umani.

L’Italia ha problemi economici e strutturali che non dipendono certo dall’immigrazione. La corruzione e la mafia sono una realtà che opprime e reprime ogni libera iniziativa, la crisi ancora è presente, quello in cui viviamo è un paese che non cresce, dove c’è disoccupazione e che tanti giovani sono costretti a lasciare, eppure per distrarre l’opinione pubblica si mira sempre ad attaccare i più deboli, a creare un conflitto continuo, una guerra tra poveri ed un impoverimento culturale che non favorisce lo sviluppo delle coscienze e della libertà di scelta.

 

A tutto questo rispondiamo con più cultura, più aggregazione e lotta per la giustizia sociale, nel nome di Peppino che ha dedicato la propria vita alla difesa degli ultimi, che si è battuto contro la mafia ed il fascismo, che univa ragazzi e ragazze con ideali di libertà e di impegno dal basso.

Foto da internet

{jcomments on}

orologio strage stazione bologna lapresse1280 2019 - Copia

Verita’ per le vittime della strage di Bologna

orologio strage stazione bologna lapresse1280 2019 - Copia

 

Dopo 39 anni, ancora oggi, l’attentato del 2 agosto 1980 nella Stazione di Bologna rimane una delle tante pagine oscure della storia d’Italia. Un attentato nel quale morirono 85 persone, più 200 feriti. La bomba esplose nella sala d’attesa della seconda classe in un periodo dell’anno in cui la stazione di Bologna era molto frequentata, tanti lavoratori infatti erano appena andati in ferie e molte famiglie si recavano in vacanza con il treno. Erano le 10.25 e l’orologio si fermò insieme alla vita di quelle persone.

Questo attentato rimane ancora misterioso perché dopo tanti anni, lunghi processi e condanne, ancora non sono stati scoperti i mandanti della strage. Le indagini subirono depistaggi e deviazioni. Sarebbe importante sapere la verità su chi decise che tutte quelle persone dovessero essere uccise.

Ci uniamo ai familiari delle vittime della strage di Bologna che da anni combattono alla ricerca della verità e che non hanno mai smesso di lottare e di ricordare, perché un paese libero e democratico si fonda sulla memoria storica, non bastano più le celebrazioni o i minuti di silenzio, bisogna ottenere la verità.

Evelin Costa

Casa Memoria 

{jcomments on}