2018 gratteri 3

Colpiti i vertici della ‘ndrangheta, un grande risultato a cui e’ stata data poca attenzione

2018 gratteri 3

 

Vogliamo esprimere la nostra gratitudine al Dottor Nicola Gratteri per il suo serio lavoro nel combattere le mafie. In questi giorni, grazie alla sua azione, sono stati colpiti i vertici della ‘ndrangheta con una operazione che ha visto 334 arresti (tra cui anche esponenti delle Istituzioni). Oltre 12, 13 locali di ‘ndrangheta in provincia di Vibo Valentia, che aveva ramificazioni in tutta Italia, sono state azzerate; le forze dell’ordine hanno fatto arresti dalla Sicilia alla Lombardia. Il Procuratore Capo Gratteri ha dichiarato che è stata data una risposta da parte di una grande squadra alla ‘ndrangheta.

E’ importante che la società civile ed i media sostengano il lavoro dei magistrati.

Purtroppo l’attenzione dei giornali non è stata molto grande nei confronti di questa importante azione di lotta alla mafia; si discute per giorni e si fa propaganda politica parlando di emergenza sicurezza e creando allarme sociale su argomenti come l’immigrazione (gonfiati ad arte solo per scopo elettorale). Al momento invece né la politica né i giornali sembrano volere dare la dovuta attenzione al tema della mafia e di conseguenza, a chi lotta contro mafia non viene attribuito il giusto e meritato valore. Crediamo che il vero problema di insicurezza in Italia sia costituito proprio dalla mafia e dai suoi legami con la politica, ed è su questo che bisogna impegnarsi.

Un grande supporto può arrivare affermando una cultura fuori dalle logiche mafiose, con un lavoro educativo che insegni alle nuove generazioni a non dare nessun consenso o supporto alla mafia che ha distrutto il nostro Paese, impoverendolo e creando sempre più ingiustizia sociale, coercizione, povertà e sottosviluppo. Dobbiamo impegnarci per costruire una realtà basata sulla giustizia sociale, su valori come la libertà, la libera espressione, la solidarietà dal basso. Stare dalla parte di chi lotta contro le mafie e mettere in discussione la cultura omertosa e dei silenzi.

Casa Memoria

foto da internet

{jcomments on}

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *